Home » Cuore » Un aperitivo Paolin da Scaraffia, a Savigliano

Un aperitivo Paolin da Scaraffia, a Savigliano

20160430_124337

Nella vita di provincia, lontana dai ritmi vorticosi delle grandi città, ci sono riti irrinunciabili: la passeggiata pomeridiana nella via principale, le paste del pranzo della domenica, l’aperitivo con gli amici, che nella bella stagione si gode ai tavolini all’aperto. Succede lo stesso a Savigliano, che ha il proprio cuore nella centralissima piazza Santorre di Santarosa: sotto i suoi portici trovate negozi e locali, spesso dalle vetrine ancora antiche e molto curate.

20160430_124737
Il rito dell’aperitivo è irrinunciabile e l’indirizzo da non perdere è quello della pasticceria Scaraffia, una delle più apprezzate e antiche della città. Non vi aspettate un ampio locale, con grandi vetrine da cui scegliere torte o stuzzichini. La pasticceria è un ‘buco’ minuscolo, di legno e specchi, animato dalla proprietaria, la signora Lucetta, che ha iniziato a lavorarvi 60 anni fa, prima da dipendente e poi da proprietaria, e dalle due figlie. Hanno una cortesia e una gentilezza piemontesi e fanno sentire subito a proprio agio; date le dimensioni della pasticceria, l’aperitivo si gode fuori, sotto i portici, gettando uno sguardo alla  piazza Santorre di Santarosa, che non stanca mai, con le sue architetture medievale e i suoi palazzi, uno diverso dall’altro.

20160430_102756

Poi, all’aperto, le proprietarie raccontano con orgoglio la storia della loro pasticceria e parlano persino del Paolin, l’aperitivo più famoso di Savigliano, dei cui segreti sono depositarie: “La base del Paolin è il vermuth, a cui noi aggiungiamo un infuso di erbe biologiche delle nostre zone, per la precisione della Val Varaita”. Impossibile sapere quali siano queste erbe, ovviamente, ma il risultato è una bevanda dal gusto forte e gradevole, che bisogna sorseggiare piluccando gli stuzzichini della pasticceria, a base di tortine salate, frittatine, salumi, finger food di sapori e ingredienti locali, chiacchierando amabilmente e senza fretta, godendosi lo spettacolo di piazza Santorre di Santarosa e il tepore di un finesettimana di primavera. Il Paolin non è in vendita: per goderselo bisogna andare a Savigliano e, credeteci, vale la pena!

    Scrivi un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>